Tra Assicurazioni e Insurtech

Diamo per assodato che la tecnologia abbia trasformato ogni aspetto della vita quotidiana degli individui. E diamo per assodato che la stessa abbia anche trasformato i processi aziendali dei settori storicamente più all’avanguardia. Come possiamo invece considerare l’impatto che la tecnologia ha avuto e sta avendo sui business che hanno un approccio all’innovazione più conservativi come quello assicurativo?

Sebbene in passato l’Information Technology possa aver giocato un ruolo più o meno marginale, risulta oggi innegabile come la trasformazione digitale abbia impattato non solo sulle dinamiche di mercato esterno alle organizzazioni, ma anche sui modelli operativi interni delle Compagnie stesse.

E’ proprio in questo scenario che si inserisce il fenomeno delle InsurTech, società, principalmente startup, focalizzate sullo sviluppo di nuovi paradigmi di consumo e fruizione delle tradizionali coperture assicurative abilitati dall’utilizzo delle nuove tecnologie (intelligenza artificiale, Internet of Things, blockchain e Big Data). Oggi queste imprese stanno contribuendo alla nuova rivoluzione digitale all’interno del settore assicurativo, dove giocano un ruolo cruciale e danno impulso a nuove sinergie, quelle tra Compagnie e InsurTech, in grado di offrire ad entrambe una strategia, per così dire, win-win.

Le Compagnie assicurative stanno infatti valutando quali investimenti siano maggiormente significativi al fine di cogliere le opportunità offerte da questo fenomeno dilagante.

In questo senso Blockchain, Artificial Intelligence, Advanced Analytics e Robotic Process Automation risultano essere tra le tecnologie di maggiore impatto per abilitare le Compagnie all’ottimizzazione del proprio processo di business. Più dell’85% delle organizzazioni operanti nel settore confermano di aver già pianificato i loro investimenti in queste tecnologie viste, per l’appunto, come strumenti in grado di aumentare profitti e ricavi delle aziende che decidono di utilizzarli. Tra queste novità, troviamo al primo posto in termini di priorità strategica per gli executive operanti all’interno dell’industry assicurativa gli Advanced Analytics (82,8%), seguiti da Connected Devices (72,4%) e Artificial Intelligence (69%).

E’ un chiaro segno che la rivoluzione tecnologica in atto all’interno del settore assicurativo avrà sul mercato un impatto di lungo termine.

Ma come introdurre quindi queste tecnologie all’interno delle organizzazioni?

Innanzi tutto, le Compagnie potrebbero valutare e analizzare le InsurTech secondo i driver in grado di abilitare un modello operativo che offra ai loro clienti ciò che ricercano maggiormente nei prodotti e servizi assicurativi, ossia convenienza, personalizzazione e flessibilità e agilità nella propria esperienza utente.

Coloro che riusciranno a sfruttare queste opportunità e seguire la scia di questa strategia beneficeranno in termini di efficienza economica, nuovi flussi di entrate e aumento della fidelizzazione dei clienti.

Le Compagnie oggi hanno infatti bisogno di modelli operativi innovativi che traggano vantaggio dalle opportunità di mercato offerte dalla trasformazione tecnologica e che diano la possibilità di creare nuove relazioni con partner potenziali trasformando così le loro idee in soluzioni scalabili.

Di Insurtech e modelli operativi innovativi parlerà RGI nel corso dell’Annual Assicurazioni de Il Sole 24 Ore il prossimo 6-7 Novembre.